Crea sito
Seleziona una pagina

Quello che risulta dal 4° rapporto trimestrale del Ministero dello sviluppo economico è che: “Il 2017 è un anno da record!“. Questo rapporto racchiude tutti i principali avvenimenti di ciò che è successo fino al 31 Dicembre 2017.

Rapporto trimestrale: Italia Startup Visa

Il Ministero dello sviluppo economico ha rinnovato la procedura per la concessione dei visti per avviare una startup innovativa nel nostro Paese. Infatti al 31 Dicembre 2017 sono pervenute 316 domande di candidature, di queste:

  • 176 hanno avuto esito positivo (il 50%);
  • 110 hanno avuto esito negativo, perché reputate poco solide;
  • in 14 casi la procedura è decaduta.

Nel 4° trimestre le candidature sono risultate maggiori rispetto ai due trimestri precedenti, come è possibile vedere nell’infografica sottostante.

Un altro punto da sottolineare è che rispetto al 2016 il numero di candidature è aumentato del 56,6% rispetto al 2016 e sono state ricevute 155 candidature totali nel 2017, questo numero segna un nuovo record per il programma Italia Startup Visa.

I candidati

L’età media dei candidati era di 36,8 anni, dove il più giovane aveva 20 anni al momento della candidatura, mentre il più anziano 65. Il 90,9% dei candidati che hanno avuto la concessione del visto startup erano in possesso di un titolo di studio pari o superiore alla laurea triennale. II candidati a cui è stato assegnato il visto di startup provenivano da 25 Paesi diversi. Tramite l’infografica sottostante si riassume gli Stati di provenienza dei candidati dell’anno 2017.

Rapporto trimestrale: Italia Startup Hub

Tramite l’avvio di questo programma, il 23 Dicembre 2014, la stessa procedura utilizzata per Italia Startup Visa viene applicata anche ai cittadini non UE che vogliono convertire il permesso di soggiorno in un “permesso di lavoro autonomo startup”, per poter rimanere in Italia ed avviare una impresa innovativa. Un esempio di utilizzo di questa procedura sono stati due cittadini coreani che vivevano regolamente per motivi di studi in Italia e che intendevano avviare una startup innovativa in ambito tech-fashion. Per questo motivo il loro permesso di soggiorno è stato convertito in permesso di soggiorno per lavoro autonomo in startup.

Per maggiori informazioni:

Eleonora Fratello

Eleonora Fratello

Front-end developer

Mi chiamo Eleonora Fratello, ho 26 anni e sono nata a Milano. Mi sono laureata in Comunicazione Digitale e, per il progetto di tesi, ho iniziato a lavorare presso una web agency come front-end developer. Grazie a questo lavoro provo a migliorarmi continuamente ed acquisire maggiori competenze nel settore. Per arricchire le conoscenze mi sono iscritta alla Laurea magistrale di Teoria e Tecnologia della Comunicazione.