Crea sito
Seleziona una pagina

Pochi giorni fa a Roma si è svolta la premiazione da parte di MAKEtoCARE, iniziativa promossa da Sanofi. Sanofi è azienda leader nel settore farmaceutico non solo in Italia ma anche all’estero, specializzata nelle malattie rare, sclerosi multipla, oncologia e immunologia. L’azienda propone soluzioni innovative che non nascono da un processo tradizionale (technology driven), ma user centered, ossia basato sugli utenti ed in questo caso i pazienti con disabilità.

MAKEtoCARE nasce proprio dalla volontà di far emergere e sostenere iniziative e progetti che offrano una migliore qualità di vita ai pazienti con disabilità. “Creare, Fare, Condividere e Curare” sono queste le parole promosse da Sanofi all’apertura della cerimonia. La seconda edizione di questa iniziativa, che ha coinvolto oltre mille innovatori arrivati da ogni angolo del mondo, è stata vinta da due giovanissime startup. Oltre ad aggiudicarsi il premio, entrambe hanno vinto un’esperienza in Silicon Valley per visitare alcune realtà nel cuore pulsante dell’innovazione.

LE STARTUP VINCITRICI

Optical WheelChair è un progetto che prevede la realizzazione di una sedia a rotelle comandata dal movimento degli occhi e dalle espressioni facciali. E’ stata ideata da tre studenti di Rimini in seguito a un grave incidente stradale di cui è stato vittima un loro amico. Federico Gualdi, Roberto Lucchisani e Nicholas Silvestri sono i tre ideatori.

Orion invece, è un esoscheletro comandato dagli impulsi muscolari attraverso un particolare elettromiografo, che permette di fare riabilitazione. E’ stato ideato da Mattia Strocchi, studente di Ingegneria dell’automazione a Bologna in collaborazione con il Laboratorio di Manifattura digitale di Ravenna.

I pazienti sono il motore dell’innovazione: ogni progetto, per funzionare, deve avere al centro il paziente. E così sono nate protesi innovative, maglie sensorizzate per bambini autistici e dispositivi per atleti non vedenti.

Il sito http://www.maketocare.it/ offre una panoramica molto ampia riguardante non solo l’iniziativa, ma presenta anche tutti i finalisti che in questi due anni hanno presentato i loro progetti e soluzioni innovative contro la disabilità. Dateci un’occhiata!

Inoltre, se siete particolarmente interessati a queste tematiche, potete consultare il blog di Making World Accessible, che tratta notizie in questo campo.

Eleonora Pizzi

Eleonora Pizzi

Sono Eleonora Pizzi, ho 22 anni e sono laureata in Comunicazione e Società presso l’Università degli studi di Milano. Attualmente sono iscritta alla magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione in Bicocca per approfondire le mie conoscenze teoriche e acquisire nuove competenze in questo campo. Mi reputo una persona socievole, collaborativa a cui piace mettersi in gioco e condividere nuove esperienze.